lunedì 31 ottobre 2016

Terremoto Ecco perché a Norcia sono crollate le chiese e non le case

Nessuna vittima nonostante la scossa di 6,5 gradi. Perché le case erano state poste in sicurezza dopo il terremoto del 1997, ma per le chiese è più difficile. Parla l'esperto Piccioni

«Quello che è stato messo in sicurezza dopo il terremoto del 1997 ha retto. Per questo non ci sono stati morti. Ci sono danni a tamponature e tramezzi, le strutture più delicate, però i pilastri e le strutture portanti hanno resistito. Sia nelle case che nei capannoni industriali». È il quadro che fa Gianfrancesco Piccioni, titolare di uno studio di progettazione che ha lavorato più volte a Norcia e negli altri paesi colpiti dal sisma.
Dunque non c'è una distruzione del paese...No. C'è solo un danneggiamento molto forte contrariamente a quanto successo ad Amatrice. 

Però anche a Norcia ci sono stati crolli...Sono gli edifici antichi non ristrutturati o dove non si è intervenuti in maniera massiccia, come per la Basilica di San Benedetto. Ma è più facile mettere in sicurezza una casa di una chiesa.
E come si mette in sicurezza una casa antica?Con iniezioni di cemento liquido nella muratura e poi con una rete elettrosaldata dentro e fuori, legandola con ferri passanti alla struttura originaria. Questo funziona, anche per le mura fatte di sassi e calce. Così è stato fatto dopo il 1997 mentre si sbagliò dopo il sisma del 1979.
Perché?Su indicazione della Regione si fecero dei cordoli in cemento armato sopra le pareti appesantendo il tetto che deve servire solo a far sì che pioggia e neve scorrano. Invece sopra mura vecchie di sassi e calce hanno messo tonnellate di peso con conseguenze immaginabili. Per fortuna nel 1997 hanno cambiato modalità.
Ora toccherà comunque fare nuovi interventi...Sicuramente. Dopo il 1997 erano nate molte imprese che poi con la crisi hanno chiuso. L'edilizia era morta. Ora avremo molto da lavorare. Purtroppo.
avvenire

Terremoto L'appello #Mattarella in Israele: «Ricostruiremo il territorio piegato dal sisma»

La visita in Israele del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricuce la ferita causata dalle parole del viceministro Kara sul terremoto come «punizione divina»
«La Shoah ci interroga costantemente sul Male assoluto, sull’ora delle tenebre, sull’abisso che ha inghiottito, nel cuore dell’Europa, milioni di persone innocenti». La visita in Israele di Sergio Mattarella inizia con i segni profondi di una rinnovata amicizia, neanche scalfita dalle improvvide dichiarazioni del viceministro Ayoub Kara che nei giorni scorsi, in visita in Vaticano, si era spinto a sostenere che il terremoto sarebbe stata una «punizione divina» per il voto di astensione dell’Italia in seno all’Unesco nella risoluzione che tiene fuori l’ebraismo dalla storiografia del Muro del Tempio di Gerusalemme. 

Mattarella parla nella sua visita mattutina allo Yad Vashem, il Memoriale della Shoah. «Luogo – dice – che non è solo di Israele ma che appartiene a tutto il mondo e rappresenta un anticorpo affinché non si ripetano questi orrori».
Dall’Italia sono appena arrivare le drammatiche notizie della nuova, devastante scossa che mette a dura prova le già martoriate popolazioni del Centro Italia. Il suo arrivo con leggero e insolito ritardo sulla tabella di marcia è indice della preoccupazione con cui il capo dello Stato ha voluto prima sincerarsi della situazione. Un nuovo, triste evento che rende ancor più imbarazzanti le
dichiarazioni dell’esponente del governo israeliano, che ora tutti, però, intendono superare.
Prontamente si fa sentire anche il premier israeliano. «Il nostro governo è pronto a inviare in Italia aiuti e assistenza dopo la forte scossa di terremoto di questa mattina», fa sapere Benjamin Netanyau,. E aggiunge:«Vorrei dire al mio amico, il premier italiano
Matteo Renzi, che Israele è pronto a inviare aiuti al meglio delle sue capacità», dice Netanyau, che ha parole calorose anche per il capo dello Stato italiano, che incontrerà mercoledì. «Lo Stato di Israele accoglie con calore il presidente italiano Sergio Mattarella»,
dice il premier israeliano, in apertura della riunione del governo.
Mattarella, che nel pomeriggio ha anche tenuto una “lectio Magistralis” all’università ebraica sui rapporti fra Italia e Israele, dopo la visita al museo dell’Olocausto ha anche partecipato, vanga alla mano, alla piantumazione di un ulivo alla Foresta delle Nazioni. Nel corso della cerimonia il presidente di quell’aerea, il Kkl, un po’ a sorpresa, ha voluto nuovamente scusarsi per le «parole molto poco sagge» di Kara. Ma Mattarella non ha voluto tornare sull’episodio, ribadendo solo che «nulla può infrangere un rapporto profondo come quello fra Italia Israele, che guarda al futuro», e anzi ha dedicato anche quel gesto simbolico, in ricordo della
sofferenza del popolo ebraico, alle popolazioni italiane duramente provate, nuovamente, dopo la scossa di agosto e
le altre che erano seguite.

Più tardi però Mattarella – dopo aver ricevuto ulteriori ragguagli sulla gravità della situazione e sui primi soccorsi – ha convocato, a ora di pranzo, i giornalisti al seguito per non far mancare il suo appello all’unità, dopo quello del presidente del Consiglio Renzi. In questo momento difficile «tutti, indipendentemente dalle opinioni dei singoli, sono chiamati a dare sostegno e grande solidarietà. Sono ore di tristezza per il Paese», ha detto. «Se con il sisma del 24 agosto abbiamo pianto molte vittime, oggi c’è del sollievo perché non ce ne sono». Ma la situazione è grave, sottolinea: «Molte persone hanno perso la casa, molte altre ora hanno paura di rientrarvi». Inoltre, per i paesi colpiti dal terremoto di fine agosto, nei quali era «appena iniziata la ripresa per la ricostruzione, quanto avvenuto negli ultimi cinque giorni aumenta le difficoltà». Ed ecco l’appello: «Dobbiamo assolutamente difendere e assicurare la ricostruzione del territorio, esprimendo a tutti i nostri concittadini colpiti sostegno e grande solidarietà». Per questo, ha scandito il Capo dello Stato, «occorre il contributo di tutti, di ogni parte, di ogni opinione, affinché a tanti nostri concittadini in difficoltà venga garantito il diritto a vivere con tranquillità nelle proprie case. Sono concittadini in difficoltà, occorre sorreggerli e lo Stato deve essere loro vicino».
avvenire

I santi del 31 Ottobre 2016


San VOLFANGO DI RATISBONA   Vescovo
Svevia, Germania, ca. 924 - Pupping, Austria, 994
Nato nel 924 in Svevia, diventò monaco a Ginsiedeln. Inviato missionario in Ungheria nel 971, l'anno successivo fu eletto vescovo di Ratisbona. Riorganizzazò la diocesi e operò per...
www.santiebeati.it/dettaglio/75850
Sant' ANTONINO DI MILANO   Vescovo
m. 671
www.santiebeati.it/dettaglio/75780
San QUINTINO DI VERMAND   Martire
www.santiebeati.it/dettaglio/75800
San STACHYS   Discepolo di s. Paolo, vescovo di Costantinopoli
I sec.
www.santiebeati.it/dettaglio/94507
Santa MARIA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE (MARíA ISABEL SALVAT ROMERO)   Vergine
Madrid, Spagna, 20 febbraio 1926 – Siviglia, Spagna, 31 ottobre 1998
María Isabel Salvat Romero, nativa di Madrid in Spagna, avvertì nell’adolescenza un forte desiderio di consacrarsi a Dio per servire i poveri. Entrò quin...
www.santiebeati.it/dettaglio/95291
Santa LUCILLA DI ROMA   Vergine e martire
Lucilla è una santa poco conosciuta, dal nome antico e familiare. Era attribuito dagli antichi romani alle bambine nate alle prime luci del nuovo giorno. Lucilla, diminutivo...
www.santiebeati.it/dettaglio/75900
Sant' ALFONSO RODRIGUEZ   Vedovo, Religioso gesuita
Segovia, Spagna, 25 luglio 1533 - Palma di Maiorca, 30 ottobre 1617
Alfonso era un mercante, nato a Segovia, in Spagna, nel 1533. Si era sposato e aveva avuto due figli ma fu sconvolto dalla perdita della moglie e dei beni. A 35 anni tornò a...
www.santiebeati.it/dettaglio/75650
Sant' EPIMACO (EPIMACHIO) DI MELUSIO   Martire
www.santiebeati.it/dettaglio/75760
San FOILLANO DI FOSSES   Abate
www.santiebeati.it/dettaglio/75770
Beato CRISTOFORO DI ROMAGNA   Sacerdote
† Cahors, Francia, 1272
Cristoforo, inizialmente sacerdote diocesano, esercitava il ministero di parroco, forse presso Cesena in Romagna, anche se il suo culto presso tale città potrebbe risalire s...
www.santiebeati.it/dettaglio/92973
Beata MARIA DE REQUESENS   Vergine mercedaria
† 1345
Di nobile origine catalana, la Beata Maria de Requesens, distribuì il suo ricco patrimonio ai bisognosi ed entrò fra le prime religiose mercedarie appena fondate da Santa Maria de ...
www.santiebeati.it/dettaglio/94773
Beato TOMMASO BELLACCI DA FIRENZE   Religioso
Firenze, ca. 1370 - Rieti, 31 ottobre 1447
Figlio di macellai, Tommaso Bellacci (o Tommaso di Scarlino) vive a Firenze una giovinezza irrequieta. Trentenne, nel 1400 entra tra i Minori osservanti di Fiesole. Resterà semplic...
www.santiebeati.it/dettaglio/91227
Beato LEONE (LEON) NOWAKOWSKI   Sacerdote e martire
Byton, Polonia, 28 giugno 1913 - Piotrków Kujawski, Polonia, 31 ottobre 1939
Il beato Leon Nowakowski, sacerdote diocesano polacco, nacque a Byton (Cuiavia) il 28 giugno 1913 e morì a Piotrków Kujawski tra il 31 ottobre ed il 1° novembre 1939. Fu beatificat...
www.santiebeati.it/dettaglio/93070
Beato DOMENICO COLLINS   Religioso gesuita, martire
Youghal, Irlanda, 1566 circa – 31 ottobre 1602
Si ritiene che Domenico Collins nacque intorno all'anno 1566 nella città di Youghal, nella regione di Cork in Irlanda. Di là, quando era più o meno ventenne, si trasferì in Francia...
www.santiebeati.it/dettaglio/93360

Beata IRENE (MARIA MERCEDE) STEFANI   Missionaria
Anfo, Brescia, 22 agosto 1891 – Gekondi, Kenia, 31 ottobre 1930
Suor Irene Stefani, al secolo Mercede Stefani, nasce il 22 agosto 1891 ad Anfo nella Val Sabbia (Brescia). Nel 1911 entra nell’Istituto delle Missionarie della Consolata e il...
www.santiebeati.it/dettaglio/92401

#Terremoto TERRA TREMA ANCORA Il Centro Italia è devastato, crolli e feriti Nessun disperso, interi borghi scomparsi

Scossa di magnitudo 6.5 avvertita dal Trentino alla Puglia. Nelle Marche già 25 mila sfollati. A Norcia crollate la Basilica di San Benedetto e la cattedrale di Santa Maria argentea. Frattura sul Colle dell'Infinito a Recanati. Paura e danni a Roma. Renzi in stretto contatto con la Protezione Civile per seguire l'evolversi della situazione. Riattivato il numero solidale 45500.
ansa