martedì 26 aprile 2016

L'indagine, in Italia cresce turismo ma introiti a colossi stranieri on line


Il turismo in Italia continua a crescere, ma gli introiti vanno ai colossi stranieri. E' quanto emerge da un'indagine di ItalyXP.com, marketplace specializzato nella promozione e commercializzazione online di servizi turistici. I numeri registrati nel 2015 parlano chiaro: più di 10.000 clienti serviti provenienti da oltre 100 paesi diversi, con risultati molto interessanti sui clienti a lungo raggio (Usa, Australia, Nuova Zelanda, India e Canada).
Il business del turismo italiano, però, è appannaggio delle Ota (online travel agencies), i grandi portali di prenotazione che promuovono l’offerta turistica italiana e che almeno un turista su tre visita prima di programmare un viaggio. Le più importanti sono tutte straniere: Expedia, Hotels.com, Booking.com, Trivago, e TripAdvisor. Un oligopolio di fatto che gli operatori italiani stanno cercando di fronteggiare con una maggiore conoscenza del territorio, dei clienti e delle tradizioni culturali.
Ci sta riuscendo ItalyXP, marketplace tutto italiano specializzato nella promozione e commercializzazione online di servizi turistici non convenzionali che in 2 anni di attività si è confermato come punto di riferimento unitario, affidabile e riconoscibile per il turismo esperienziale in Italia.
Come emerge da uno studio condotto da TripAdvisor per il monitoraggio dei trend turistici, risulta evidente che i turisti non si accontentano più, vogliono vivere delle esperienze durante i loro viaggi. Su più di 50.000 viaggiatori intervistati, il 71% ha dichiarato di voler partire per 'allargare i propri orizzonti', il 55% per 'cercare esperienze uniche e interessanti', il 44% per 'arricchire le proprie conoscenze culturali', mentre il 36% vuole 'calarsi nella cultura locale'.
Così, ItalyXP.com per il 2016 prevede un ampliamento dell’offerta arrivando a superare le 1.000 offerte disponibili sul sito (erano 650 nel 2014), aprendo anche a nuove destinazioni come Sicilia, Bologna ed Emilia, Verona e Lago di Garda, Sardegna, Genova e Liguria, Torino e Piemonte. La versione appena rilasciata di ItalyXP.com in spagnolo permetterà di raggiungere anche i mercati ispanici (America Latina, Argentina, Sud America e Spagna) e quel 20% di statunitensi di madrelingua spagnola.
L'ordine medio conta 1,3 attività e riguarda in media 2,2 persone (per lo più famiglie). Le tipologie di esperienze che maggiormente hanno interessato i turisti sono: tour culturali 39%, escursioni e attività all'aria aperta 32% e attività enogastronomiche 15%. Roma si conferma meta più gettonata tra gli stranieri, occupando le prime due posizioni tra le 10 destinazioni preferite dai turisti: Vaticano e Cappella Sistina; Colosseo; Venezia; Chianti; Pisa; Pompei; Firenze; Sicilia: Etna, Taormina; Cinque Terre; Costiera Amalfitana.
Oltre ai tradizionali tour delle città e dei principali monumenti, con preferenza per le zone esclusive, come ad esempio il terzo anello e i sotterranei del Colosseo, sono molto richieste le lezioni di cucina tipica a Firenze e in Sicilia, le escursioni in barca alle Cinque Terre e nella Costiera Amalfitana, la lavorazione del vetro a Murano e i giri in gondola a Venezia, le degustazioni di vino e olio nella zona del Chianti e della mozzarella e del limoncello in Costiera Amalfitana. I principali trend riscontrati sono: una richiesta sempre maggiore di attività 'esclusive'. E' aumentata, infatti, la richiesta di servizi di fascia alta rispetto ad attività organizzate in grandi gruppi o con guide condivise. Da segnalare, in forte crescita, i tour in auto d'epoca. C'è sempre più attenzione nell'acquistare servizi che includano biglietti in modalità Skip the line.
Un fortissimo interesse per tutto ciò che riguarda l'enogastronomia. Rispetto al passato, il visitatore straniero è molto più attento a ciò che sceglie. Si è registrato un boom per le lezioni di cucina, da quelle organizzate in prestigiose location nel centro di Roma a quelle più economiche che ti insegnano a preparare la pizza o il gelato a Firenze. ItalyXP.com intercetta un trend in continua crescita che riguarda il turismo internazionale: secondo i dati dell’Organizzazione mondiale del turismo (Unwto-World tourism barometer-January 2016), l’incremento più importante riguarda l'Europa (5%), che si conferma l’area più visitata del mondo (609,1 milioni di arrivi, con circa 28,8 milioni di turisti in più rispetto al 2014).
Tra le destinazioni turistiche mondiali più frequentate dal turismo straniero, l’Italia si conferma al 5° posto per gli arrivi mentre scende al 7° posto per gli introiti. Inoltre, i dati di Banca d’Italia indicano che nel periodo gennaio-novembre 2015 la spesa dei viaggiatori stranieri in Italia è aumentata del 4,5% rispetto al corrispondente periodo del 2014 (1.475 milioni di euro in più). Questi dati si traducono in un impatto economico stimato in un’incidenza del 10,1% sul pil e un’occupazione turistica di 2.553.000 unità tra occupati diretti e indiretti per un’incidenza sull’intera occupazione nazionale pari a 11,4%.
adnkronos

giovedì 21 aprile 2016

"Milano a ferro e fuoco per proteggere i no Expo" Il Viminale ammette

La «strategia» adottata per evitare il peggio, evocata da più parti subito dopo la guerriglia urbana nel giorno dell'inaugurazione dell'Esposizione, è messa per la prima volta nero su bianco. A farlo è il ministero dell'Interno, per mano del legale Alberto Giua, nella richiesta di costituzione di parte civile davanti al gup di Milano Roberta Nunnari. Ieri infatti è partito il processo con rito abbreviato a quattro giovani (un quinto è latitante) accusati di devastazione, incendio e saccheggio e resistenza a pubblico ufficiale.
«Alla luce di episodi analoghi precedenti e/o successivi - scrive l'avvocato del Viminale - se i manifestanti hanno potuto, in qualche misura, scatenarsi, ciò è stato consentito dalle forze dell'ordine al fine di salvaguardare l'incolumità degli stessi imputati». Polizia e carabinieri dunque hanno lasciato che gli antagonisti mettessero a ferro e fuoco la città, per evitare che ci scappasse il morto. Poi però il ministero chiede il risarcimento dei danni all'immagine, a causa anche dell'«ampia risonanza mediatica» avuta dalle devastazioni, per 300mila euro. C'è stata, si legge nell'istanza, una «obiettiva perdita di prestigio, anche a livello internazionale, cagionata al ministero e una compromissione della credibilità, correttezza ed affidabilità dell'azione amministrativa davanti ai cittadini». Il Viminale avanza una seconda richiesta. Il risarcimento, in caso di condanna degli imputati, delle retribuzioni degli agenti che sono stati impegnati nelle indagini che hanno portato agli arresti del 12 novembre. Il ministero chiede danni patrimoniali per oltre 7.700 euro «a titolo di ore di lavoro straordinario prestate per attività investigativa» dall'indomani della manifestazione fino ai fermi.
Il gup ha ammesso l'Interno come parte civile solo in relazione al reato di resistenza. Accolta anche l'istanza, per la devastazione, di Unicredit. Per i danni a due filiali la banca chiede 870mila euro. Il giudice ha invece respinto la richiesta di integrazione delle prove avanzata dai difensori Eugenio Losco, Mauro Straini e Niccolò Vecchioni. Si trattava di una consulenza sui filmati di quella giornata. Il prossimo 5 maggio sono previsti la requisitoria del pm Piero Basilone e gli interventi degli avvocati di parte civile. Tra le parti offese ieri non si è presentato il Comune di Milano. Nonostante un indignato Giuliano Pisapia poche ore dopo le devastazioni avesse assicurato: «Ci costituiremo parte civile». Da Palazzo Marino si giustificano: la Procura non aveva avvertito del processo la nostra Avvocatura, ma valuteremo se presentarci alla prossima udienza. La sentenza del processo - il rito abbreviato prevede uno sconto di un terzo della pena - è attesa per il 6 giugno. Intanto ieri sono state rese pubbliche le motivazioni del niet della corte d'Appello di Atene all'estradizione in Italia di cinque greci fermati a Milano per gli stessi fatti. I giudici ellenici bacchettano gli inquirenti milanesi: «La responsabilità collettiva non è riconosciuta nel diritto penale greco». Come il reato di devastazione e saccheggio. Inoltre i fatti contestati sono puniti in Grecia con pene da sei mesi a cinque anni e «non è previsto l'arresto prima del processo». Infine: «Il ricercato (uno dei cinque, ndr) fermato a Milano il 2 maggio 2015 senza che gli venisse fatta alcuna accusa è stato trattato come se fosse indagato senza che però gli venissero riconosciuti i diritti minimi», ad esempio un interprete o un avvocato.
Il Giornale

venerdì 8 aprile 2016

Eco-logica Effetto Expo2015

Dai dati della seconda edizione dell’Osservatorio LifeGate-Eumetra Monterosa (un campione di 1.000 intervistati) risulta una sorta di effetto Expo che ha amplificato una tendenza in atto. Nell’arco di un anno si è registrato un aumento del 10% degli italiani che decidono, a parità di prezzo, di comprare cibi provenienti dall'agricoltura biologica: dal 75 all’85%. Il 52% ha dichiarato che, anche costando di più, acquisterebbe prodotti a km zero (nel 2015 erano il 18%). Il 47% ha dichiarato che, anche costando di più, preferirebbe comprare alimenti biologici (nel 2015 era il 15%).
repubblica.it

Expo 2015 Sala: "La casa a St. Moritz? L'ho dimenticata..." Ennesima gaffe del candidato Pd al Comune di Milano


Che sarà mai. «È una dimenticanza in una delle tante dichiarazioni che ognuno di noi fa.
Punto. Credo che chiunque possa avere un reato pecuniario per una questione del genere». Il candidato sindaco del Pd a Milano, Beppe Sala, ammette ma prova a sminuire il caso della casa a Pontresina in Engadina, non dichiarata tra le proprietà nell'autocertificazione che come ex commissario Expo ha dovuto presentare alla società secondo il «decreto Trasparenza». «Innanzitutto non è a Sankt Moritz, se la vogliamo trasportare a Sankt Moritz aumenterebbe di valore» tiene a precisare. Diciamo pure che è ad un passo, ma al «compagno Beppe» che fatica a convincere l'elettorato di sinistra fa più comodo mettere una distanza tra la villetta per le settimana bianche e quella che viene considerata la meta dei super ricchi. «È una dimenticanza - ha ribadito ieri - però quello che fa testo è la dichiarazione dei redditi, è un atto pubblico e si può richiedere. Io le mie tasse le ho sempre pagate». Giusto ieri è stato eletto in Comune il presidente della Commissione d'inchiesta sui conti di Expo, voluta dal centrodestra ma anche da un pezzo della maggioranza che governa con il sindaco Giuliano Pisapia per chiarire i tanti dubbi sui conti dell'Esposizione. Si riunirà tutti i giorni fino al 15 aprile per fare chiarezza dopo le risposte lacunose fornite da Sala in aula. Qualche esponente aveva proposto giorni fa di andare a fondo anche sulla casa in Svizzera sparita dall'autocertificazione, anche se il capogruppo di Forza Italia Pietro Tatarella aveva precisato che «dovrebbe occuparsene la procura». Il candidato del Pd ha ribattuto ieri che «costituisce semmai reato pecuniario, se ci sarà da pagare una sanzione pagherò». Non è così semplice, per la falsa attestazione si rischia l'interdizione dai pubblici uffici.
Cresce l'irritazione a sinistra per l'ennesima scivolata di Sala, dalla casa in Liguria fatta ristrutturata da Italo Rota, architetto di Expo, allo staff elettorale composto dagli stessi che lavoravano per la società del 2015. E la mezza ammissione di Sala lascia comunque dubbi: non ha dichiarato la casa in Svizzera, ma anche la villa in Liguria viene registrata come semplice terreno. Un'altra svista? E sarà l'ultima?
Ieri intanto il candidato di Matteo Renzi ha presentato il simbolo della lista civica «Noi, Milano» che riproduce stilizzato l'arcobaleno che era il simbolo di Expo. Tra i nomi dei candidati c'è Davide Rampello, che per il grande evento è stato curatore del Padiglione Zero. Oltre a imbarcare mezza squadra di Pisapia, dagli assessori Cristina Tajani e Franco D'Alfonso all'ex vicesindaco Mariagrazia Guida, schiera in lista il direttore d'orchestra Alberto Veronesi e Pierluigi Molla, il figlio di Giovanna Beretta Molla, la santa canonizzata nel 2004 da Giovanni Paolo II. In «quota Cl» Carmelo Ferraro, dopo la rinuncia del vicepresidente della Compagnia delle Opere Massimo Ferlini.
Il Giornale