venerdì 21 agosto 2015

Dopo Tintoretto arriva Rubens

Tintoretto saluta e torna a Venezia, a casa, nella chiesa di San Trovaso. L'opera del grande pittore, che è stata visitata da oltre 450.000 persone, lascia il padiglione della Santa Sede a Expo 2015 dove da mercoledì 29 luglio si potrà ammirare, per i prossimi tre mesi e fino alla fine di Expo, l’arazzo di Rubens “L’istituzione dell’Eucarestia” (1632-1650), proveniente dal Museo Diocesano di Ancona.  
L’arazzo declina per immagini un tema frequente nell’arte sacra, quello dell’Ultima Cena di Gesù a Gerusalemme con i suoi discepoli nella variante iconografica della prima Comunione degli apostoli. Tale interpretazione eucaristica, infatti, tornò in auge e prevalse nelle rappresentazioni in epoca controriformistica, quando la Chiesa ribadì il valore dottrinale dei sacramenti, in particolare quello dell’Eucaristia.

Rubens si misurò sul soggetto dell’Ultima cena numerose volte negli anni trenta del Seicento. Un’opera dello stesso Rubens che fa da modello per l’arazzo si trova a Milano nella Galleria di Brera (Ultima cena, Olio su tavola, cm. 304 x 206) e fu eseguita da Rubens tra il 1631 e il 1632, su commissione di Catherine Lescujer, destinata all'altare del Santissimo Sacramento nella chiesa di San Romualdo a Malines. Nel 1794 venne rimossa dai commissari della Repubblica francese: dopo la disfatta di Napoleone a Waterloo fu restituita al Belgio, ma nel 1817 fu scambiata con altri dipinti della Pinacoteca di Brera. Il bozzetto della composizione si trova oggi al Museo Puskin di Mosca e le due tavole della predella sono conservate al Musée des Beaux-Arts di Digione.

Il padiglione della Santa Sede, quindi, continua in questo modo a parlare ai visitatori attraverso l’arte. Il tema Non di solo pane, infatti, è sviluppato attraverso diversi linguaggi artistici, dai più tradizionali ai più innovativi, che dialogano tra di loro: un giardino da custodire, un cibo da condividere, un pasto che educa, un pane che rende presente Dio nel mondo sono i “capitoli” nei quali si organizza il percorso espositivo. E il tema del cibo è occasione di riflessione ed educazione sulla fede, la giustizia, la pace, i rapporti tra i popoli, l’economia, l’ecologia.

Tra questi linguaggi spicca anche l’animazione del tavolo interattivo multimediale, realizzato dai giovani artisti dello studio MammaFotogramma, che da questa settimana è stato arricchito da nuovi contenuti. La novità si chiama blackout: un evento che accade in modo inaspettato base al numero dei visitatori che attivano i video dell’opera. “Blackout” coinvolge l’intera tavola ed è un’animazione spettacolare che mira a rappresentare l’atto della creazione attraverso una rilettura simbolica dell'incipit del vangelo di Giovanni: In principio era il Verbo; e il Verbo era presso Dio; e Dio era il Verbo. Dura pochi secondi e catalizza l'attenzione perché le immagini e l'audio appaiono di colpo e interrompono bruscamente il procedere dei filmati.

Il Tavolo multimediale, con i filmati che si attivano al passaggio dei visitatori vuole raccontare la comunità che si raccoglie intorno alla tavola: il luogo dove l'uomo passa più tempo e che unisce tutti i momenti della sua vita. 
avvenire

Humanitarian day, cibo per la pace

Una giornata per ««Ispirare umanità nel mondo». È il tema dello World Humanitarian Day, la Giornata Mondiale Umanitaria che si celebra oggia a Expo. Leader umanitari, alti funzionari della Nazioni Unite, rappresentanti del governo e organizzazioni della società civile si riuniscono a Milano per ricordare il valore di coloro che ogni giorno rischiano la propria vita per salvarne altre, si impegnano per alleviare le sofferenze provocate dalle crisi umanitarie.

Il 19 agosto segna l’anniversario dell’attacco nel 2003 al quartier generale delle Nazioni Unite a Baghdad che causò la morte di 22 persone. Per questo nel 2008 l’Onu ha proclamato in questa data come "Giornata Mondiale Umanitaria". Corposo il programma dell’evento, organizzato in collaborazione con il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (Wfp) e i governi di Italia e Svizzera. Tra gli appuntamenti si comincia alle 14.30 presso il Media Centre con gli interventi, tra gli altri, di Maurizio Martina, ministro dell’Agricoltura e Giuseppe Sala, Commissario del governo italiano per Expo 2015, Bruno Antonio Pasquino, Commissario Generale di Expo 2015; Alle ore 16.30 è prevista la tavola rotonda dal titolo «Ispirare umanità nel mondo – Se la fame è un’arma, il cibo è strumento di pace» con l’ambasciatore Manuel Bessler, delegato per gli aiuti umanitari e capo dell’unità per gli aiuti umanitari della Svizzera, Toby Lanzer, assistente segretario generale Onu e coordinatore umanitario regionale per la crisi nel Sahel, Barbara Noseworthy, vicedirettrice esecutiva del programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, Cornelis Wittebrood, capo unità per l’Africa orientale, occidentale e australe della direzione generale per gli aiuti umanitari della Commissione europea, e di Rashid Khalikov, direttore dell’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari.

La Caritas sarà presente e aderirà a tutte le iniziative del World Humanitarian Day, come partecipante della società civile che porta avanti attivamente il suo impegno in campo umanitario.
In particolare, alle ore 11 la delegazione delle Nazione Unite presente al World Humanitarian Day in Expo visiterà l’Edicola Caritas. Successivamente, alle 15.00 i volontari della Caritas parteciperanno alla parata che si svolgerà lungo il Decumano fino al padiglione della Svizzera. Inoltre a Ginevra, in contemporanea, il presidente della Caritas della Repubblica del Centroafricana il vescovo di Bangui Dieudonné Nzapalainga riceverà il premio Sergio Vieira de Mello 2015.

La particolarità di questa premiazione consiste nel fatto che il premio sarà diviso con altri due leader religiosi, impegnati con il vescovo di Bamgui nel dialogo: l’imam Oumar Kobine Layam e il pastore protestante Nicolas Guérékoyaméné-Gbangou. Questo prestigioso riconoscimento, intitolato a Sergio Vieira de Mello, incaricato delle Nazioni Unite morto nell’attentato contro le Nazioni Unite a Baghdad nel 2003, vuole premiare i tre leader religiosi per i loro sforzi nel mantenere il dialogo interreligioso malgrado il conflitto e per il loro tentativo di spiegare che la guerra nella Repubblica Centroafricana non è di natura religiosa.
avvenire