domenica 8 ottobre 2017

2025: Parigi vuole pure l'Expo

Non si farà in tempo a chiudere il Villaggio Olimpico alla fine dell'estate del 2024 che bisognerà correre a Saclay, una cittadina di 4 mila abitanti a sud ovest della capitale, pochi chilometri da Versailles, per inaugurare l'Esposizione Universale del 2025 se il Bie, Bureau international des exposition, di qui a un anno, nel novembre 2018, avrà designato Parigi come sede della manifestazione.
Intanto, giovedì scorso, Parigi ha presentato ufficialmente la sua candidatura (un dossier di 700 pagine) e si prepara a sfidare, con un intenso lavorio diplomatico e una massiccia campagna di promozione internazionale (leggasi, lobbying), le tre concorrenti: Ekaterinenburg, città industriale senza fascino nel cuore della regione degli Urali (unica curiosità storica: qui furono fucilati nel 1918 l'ultimo zar Nicola II e tutta la famiglia Romanov); Osaka, la seconda metropoli del Giappone con uno dei più grandi porti industriali del Pacifico, e infine Bakou, la capitale dell'Azerbajian, sul mar Caspio, ex stazione balneare riservata ai gerarchi del Cremlino ai tempi dell'Unione Sovietica.
Parigi, a sentire Pascal Lamy che non è il solito grand commis ma un economista esperto di commercio internazionale, visto che ha guidato per un decennio il Wto, è stato capo di gabinetto di Jacques Delors a Bruxelles e ha lavorato anche con il nostro Romano Prodi alla Commissione europea e per questo è stato incaricato, nel 2013, dal presidente François Hollande di preparare e istruire il dossier Expo per conto dell'Eliseo e del governo; Parigi, dicevamo, ha tutte le carte in regola per riuscirci. «Paris c'est une candidature qui rassemble», ha continuato a ripetere ieri mattina durante una conferenza stampa al Quai d'Orsay, il ministero degli Esteri, sotto lo sguardo compiaciuto del presidente di Expofrance 2025, Jean-Cristophe Fromantin, della presidente della regione Ile-de-France, Valerie Pecresse, e quello di circostanza di una delle vicesindaco di Parigi, Marie-Christine Lemardeley, venuta al posto del sindaco Anne Hidalgo che è stata una grande avversaria dell'Expo e che ora, ottenuto il suo scopo (le Olimpiadi, Paris 24) preferisce sfilarsi neanche troppo diplomaticamente.
Lamy, che è un uomo elegante e sofisticato (indossa sempre giacche alla coreana), ha un ultimo obiettivo da raggiungere: rassicurare i decisori del Bie che tutta la Francia è compatta dietro la candidatura di Parigi e che le polemiche sollevate, prima dell'estate (vedere ItaliaOggi del 14 giugno), da madame Hidalgo, sindaco di Parigi, appunto, sono acqua passata.
Pensate che, allora, Hollande, dopo aver promesso l'appoggio dell'Eliseo al delegato interministeriale Lamy, dovette fare marcia indietro dopo aver ricevuto una lettera riservata (rivelata all'epoca dal quotidiano Le Monde) di un'inviperitissima Hidalgo che minacciava fuoco e fiamme e chiedeva ufficialmente al presidente di rinunciare alla candidatura per l'Expo 2025.
Che aveva un solo limite ai suoi occhi.

Expo, Sala indagato: in aula a dicembre, si decide sul processo


Si aprirà il prossimo 14 dicembre davanti al gup milanese Giovanna Campanile l'udienza preliminare in cui figura tra gli 8 imputati, in qualità di ex commissario Expo, il sindaco di Milano Giuseppe Sala. E' accusato, non di aver pilotato l'appalto per i lavori della Piastra, ma di aver retrodatato due verbali della commissione giudicatrice della gara. E' infatti caduta per il sindaco la contestazione più grave che gli era stata mossa sull'appalto del verde per l'allestimento dell'Esposizione universale, quella di turbativa d'asta.

Sala è accusato di falso materiale e ideologico per aver retrodatato l'atto di nomina di due commissari di gara. Nomina, scrivevano i suoi legali nella memoria difensiva, "del tutto innocua non avendo in nessun modo determinato l'irregolarità della procedura di gara", "un vero e proprio delitto senza movente". Il sindaco si è detto infatti sereno: "Per quello che ho capito sono molto tranquillo e sereno e voglio continuare a fare il mio lavoro di sindaco bene e anche a lungo".
REPUBBLICA.IT

sabato 6 maggio 2017

Milano pronta a ricevere Obama, città torna la capitale mondiale del cibo Dall'8 all'11 maggio Milano Food, presenti anche Renzi, Martina e Calenda

Tutto pronto a Milano per ricevere, da capitale mondiale della buona alimentazione, l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il sindaco Giuseppe Sala gli consegnerà simbolicamente le chiavi della città e per l'occasione saranno in molti i nomi presenti, dal segretario del Pd Matteo Renzi ai ministri Carlo Calenda (Sviluppo Economico), Maurizio Martina (Politiche Agricole) e Valeria Fedeli (Istruzione). Gli organizzatori di Seeds&Chips del Global Food Innovation Summit oggi hanno reso ufficialmente noti i nomi dei diversi relatori che dall'8 all'11 maggio si alterneranno sul palco che fu di Expo Milano 2015. Oltre a Obama (che terrà il suo key note speech il 9 maggio, per dialogare subito dopo sul palco con il "suo" chef alla Casa Bianca Sam Kass), per parlare di cibo, buona alimentazione, lotta allo spreco alimentare, sostenibilità, si alterneranno i "guru" internazionali della foodtech Danielle Gould, Ceo di Food+Tech Conncet, e Deepti Sharma Kapur, ceo e fondatrice di FoodtoEat, che affronteranno il tema di come i cosiddetti millennials stiano cambiando l'industria globale del cibo.
Il fondatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, si confronterà l'8 maggio con le istituzioni: il Commissario Ue per l'Agricoltura, Phil Hogan, il presidente del Comitato Europeo delle Regioni, Markku Markkula, il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo. Il giorno successivo, oltre a quello di Obama, sono previsti gli interventi del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e di Dickson Despommier, professore emerito della Columbia University considerato nel mondo il pioniere del cosiddetto "vertical farming". Il 10 maggio, invece, il presidente di Illy Caffé, Andrea Illy, dialogherà su "Climate change e food system" con David Wilkinson, direttore aggiunto del Centro Ricerche della Commissione Europea. "Con questa edizione, e con la partecipazione straordinaria di Barack Obama - ha commentato Marco Gualtieri, ideatore e presidente di Seeds&Chips - Milano e l'Italia tornano centri mondiali del food e della food innovation dopo Expo. L'Italia può avere un ruolo di primo piano in questo settore".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

mercoledì 8 marzo 2017

Seppiana tra i primi paesi italiani ad investire sulla scuola materna

Seppiana è uno dei paesi italiani che più investe sull'infanzia. Lodice l'associazione Openpolis, l'osservatorio civico della politica italiana che si occupa di dati pubblici. Openpolis ha di recente pubblicato un'analisi approfondita sulla spesa pro capite dei Comuni per le scuole materne presenti sul territorio.
Seppiana, secondo la statistica fatta nel 2014 quando il paese non era ancora unito a Viganella, è tra nei primi 100 Comuni italiani per investimento sull'educazione per i più piccoli. Il paese della Valle Antrona è al 5° posto tra i Comuni del Piemonte e 48° in Italia, con una spesa di 188,31 euro pro capite. Sempre tra le prime cento comunità, anche Anzola d'Ossola: 7a in Piemonte e 57a in Italia con una spesa di 168,82 euro a testa per cittadino.
''Abbiamo sempre creduto nella nostra scuola materna che viene finanziata anche con l'aiuto degli altri comuni della valle - spiega il sindaco di Borgomezzavalle, Alberto Preioni - . Questo conferma l'attenzione che riserviamo alla popolazione e la nostra linea politica tesa a combattare lo spopolamento della montagna''.
ossolanews

LE DONNE NEL C.A.I.: è Donna il 35% dei Soci del Club Alpino Italiano

IN OCCASIONE DELLA “GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA” IL C.A.I. EVIDENZIA L’IMPORTANTE E CRESCENTE PRESENZA FEMMINILE NEL SODALIZIO

La Giornata Internazionale della Donna dell’8 marzo è un’occasione per il Club alpino italiano per evidenziare, con alcuni dati, la consistente presenza di Socie e la loro importanza.
È donna oltre un terzo degli iscritti al Club alpino italiano: 110.127 su un totale di 311.134 soci (dato aggiornato al 31 dicembre 2016). Dunque il 35% del totale.
Le regioni con più Socie in termini assoluti sono Lombardia con 28.868 su un totale di 85.982 iscritti (34% del totale), Veneto con 18.376 su 51.865 (35%) e Piemonte con 18.094 su 50.199 (36%).
Le regioni con più Socie in termini percentuali sul totale sono Campania (sono donne il 44% degli iscritti), Sardegna (42%), Alto Adige e Umbria (in entrambe il 41%).

UN PO’ DI STORIA

Nel 1863, anno della sua fondazione, il CAI era un’associazione esclusivamente maschile e solo agli albori del 1900, comunque in anticipo rispetto alla società civile, sono state ammesse anche le donne.
Ben più lungo, però, è stato il tempo necessario perché, anche nel mondo degli alpinisti e dei frequentatori della montagna facessero, e non senza fatica, il loro ingresso figure di donne scalatrici. Ricordiamo, sul finire dell’Ottocento, la protoalpinista Alessandra Boarelli; nel primo periodo del Novecento Irene Pigatti; agli inizi degli anni Sessanta Silvia Metzeltin e Teresina Airoldi, per arrivare alle Nives Meroi dei nostri tempi: tutte donne che, nel variare dei tempi, hanno espresso elevate capacità alpinistiche e umane.
Da molti anni il Direttore del CAI è una donna: Andreina Maggiore ricopre questa posizione dal dicembre 2010. Prima di lei Paola Peila, in carica per dieci anni, dall’ottobre 2010.
mountaingblog.it